Ulisse - Per la stessa ragione del viaggio, viaggiare

L’iniziativa intende coinvolgere Istituzioni e associazioni impegnate sul territorio, la rete dei familiari dei partecipanti, la rete amicale, e soprattutto mira a costruire un gruppo di lavoro “integrato” in grado di essere un primo tassello verso la ricostruzione di un senso di prossimità e comunità attorno ad una dinamica di fruizione dell’evento culturale e ancora più nello specifico attraverso la riscoperta di una tradizione millenaria legata al territorio oggetto dell’intervento. Inoltre, attraverso l’attivazione di processi di cambiamento sul singolo il teatro e la musica sono in grado di incidere anche sulla comunità prossimale.


Per il raggiungimento del “ben-essere” della persona è importante compiere nei territori un lavoro culturale di sensibilizzazione intorno alla dimensione di estraniamento vissuta dai soggetti in condizioni di disagio.
Il progetto nasce da una riflessione condivisa con alcuni operatori del Dipartimento di Salute Mentale rispetto all’efficacia degli strumenti riabilitativi adottati negli ultimi anni all’interno della ex ASL CE/2. Il Dipartimento di Salute Mentale di S. Maria C.V. opera sui comuni di S. Maria C.V., Curti, Casapulla, S. Prisco e S. Tammaro: la difficoltà maggiore presente in questi territori consiste, da un lato, nella mancanza di una rete sociale forte in grado di promuovere forme auto-organizzate di partecipazione, e dall’altro, di garantire continuità a questi percorsi. L’economia locale, inoltre, è caratterizzata da scarse possibilità di inserimento lavorativo per utenti che hanno fatto percorsi di formazione e orientamento professionale spesso non congruenti con i reali bisogni territoriali. Queste situazioni generano la diffusione, soprattutto tra i più giovani, di un sentimento di sfiducia verso i percorsi riabilitativi, anticamera dei processi di marginalizzazione.


Il progetto è rivolto ai cittadini-utenti della UOSM21 di S. Maria C Ve (CE) per stimolare la socializzazione e le abilità dell’utente all’interno di un percorso di espressività basato su musica e teatro, contro i complessi meccanismi dell’esclusione sociale. La pratica dei laboratori artistici rappresenta uno strumento importante sia nella prevenzione che nel trattamento della sofferenza psichica

 

Associazione IL PICCHIO
e-mail: info@ilpicchionline.it | tel.: +39 334 9693057 |fax: +39 0823 1984076 | Partecipa ed aiutaci!